Impegno comune: il Sindaco di Collegno si racconta

Una testimonianza, tante idee concrete, la ricerca della partecipazione, la costruzione di una squadra, la condivisione degli obiettivi, la voglia di fare e di guardare avanti. Francesco Casciano, nel quarto incontro della scuola di Politica dell’Associazione Benecomune, si racconta e fa trasparire la sua passione civica, la visione di una città della cintura di Torino che si proietta nel futuro metropolitano cercando identità e cura dei servizi ai cittadini per dare benessere e risposte ai tanti bisogni.

Un intervento che parte da come si è trasformata nel tempo la figura del Sindaco con le riforme che hanno portato nel 1993 alla elezione diretta, ad un esecutivo più agile ed improntato alla decisione, ad una assemblea, il consiglio comunale, che ha dovuto reinventare il suo ruolo, trasformandosi in strumento di indirizzo e di controllo. Dall’assetto istituzionale il Sindaco di Collegno passa poi velocemente a parlare di come ci si presenta alla città, alla costruzione di un programma elettorale, al far convergere gli obiettivi all’interno di un piano strategico più ampio, quello della città metropolitana in cui il comune è inserito. Un susseguirsi di progetti, idee, realizzazioni, piccole o grandi. Il coinvolgere attivamente la cittadinanza, con bilanci partecipati, iniziative di coinvolgimento dei giovani, il servizio civile locale autofinanziato, esperienze di ecologia urbana prendendosi cura della città, laboratori di sussidiarietà.

Infine un progetto che avvicina Collegno a Savigliano: la condivisione della sede universitaria che porterà a Collegno una parte di Scienze della Formazione, già insediata a Savigliano ma che per varie ragioni non poteva stare tutta sulla nostra città, innanzitutto per il numero complessivo di studenti che supera la capienza massima della nostra struttura. Questo destino comune suggerisce a Casciano la collaborazione sui progetti che possono nascere e che già ci sono di cooperazione e di sviluppo che nascono dall’opportunità di avere una sede universitaria sul territorio.

Nel percorso della Scuola di Politica manca solo più la Provincia, dopo aver parlato di Europa, Stato, Regioni e Comuni. L’appuntamento è il 6 febbraio con Claudio Lubatti e Marco Orlando in un intervento dall’interrogativo d’obbligo: le Province ci sono ancora? A loro l’onere di spiegarci come stanno le cose…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *